Fiori d'oliva 2020: gli agricoltori meritano davvero un buon anno di oliva

L’oliva Taggiasca è considerata l’oliva più famosa e di buon gusto al mondo. Almeno questo è ciò che sostengono gli agricoltori liguri. Gli olivicoltori dicono lo stesso delle loro olive in Sicilia, Creta, Spagna e Provenza. Quindi vale la pena arrivare in fondo al mito delle olive taggiasca e saperne di più sul famoso frutto.

Raccolta Olive Taggiasca 2020

Dimensioni, forma e colore dell'oliva Taggiasca

Il frutto della varietà di olive Taggiasca è piuttosto piccolo-medio, da 1,5 cm a 2,5 cm. Ha una forma allungata con una parte inferiore leggermente più spessa e una pelle liscia. La polpa dell’oliva è molto soda e rimane stabile a lungo. L’oliva Taggiasca è speciale anche nei suoi colori colorati: è mostrata in molti colori diversi, tra cui un ulivo. Forma e colore Taggiasca OliveI colori variano dal verde chiaro al bruno, alcuni sono viola, altri violacei: un gioco di colori che da solo rende l’oliva unica.

A causa delle sue dimensioni piuttosto piccole, questa varietà di olive sviluppa un aroma molto intenso a seconda delle condizioni climatiche. Ciò è dovuto al fatto che questa oliva immagazzina meno acqua rispetto ad altre varietà di olive.

La storia secolare di una varietà di olive

Già alla fine del VII secolo, i monaci benedettini si trasferirono dall’isola monastica francese di Lerins, al largo di Cannes, sulla Costa Azzurra, alla terraferma italiana, nella valle del fiume Argentina. A Taggia fondarono il monastero di Santa Maria del Canneto e, secondo la leggenda, piantarono ulivi sulla prima Taggiasca. Anche per aiutare economicamente gli abitanti della Valle Argentina, sfruttati dai Saraceni. L’Oliva prende quindi il nome dalla provincia di Taggia. Da questa origine, l’Oliva Taggiasca conquistò tutta l’Italia.

Distribuzione di Taggiasca Olive e clima

Dalla sua origine nel comune di Taggia, l’oliva si diffuse effettivamente in tutta Italia. La principale area di crescita, tuttavia, è ancora la provincia di Imperia e le province adiacenti, ma anche il Piemonte e la Provenza. Ciò è dovuto allo speciale microclima, che rende l’oliva particolarmente fiorente e gustosa.

La Riviera Ligure di Ponente è caratterizzata da condizioni climatiche proprie. Le Alpi marittime con un’altezza fino a 2.000 metri proteggono dalle correnti fredde da nord, la corrente del Golfo si riscalda da sud. Di conseguenza, la regione è esposta a fluttuazioni di temperatura molto deboli e il clima è mite tutto l’anno. Inoltre, ci sono 300 giorni di sole all’anno a temperature massime moderate. Condizioni ideali per questa varietà di olive.

Superficie dell'oliva taggiasca

Qualità e uso

Grazie alla sua consistenza solida di lunga durata della polpa, l’oliva taggiasca è adatta per la conservazione in olio o salamoia. L’inserimento in salamoia, una soluzione a base di acqua e sale, è una tradizione secolare nella tecnologia di conservazione.

Ma questo tipo di oliva è diventato famoso anche per la produzione di olio extravergine di oliva. Questo olio d’oliva è considerato uno dei migliori al mondo. L’aroma è – a seconda del momento del consumo dopo la raccolta – leggermente piccante, fruttato con una nota di mandorla.

Premio OliO DOP RIVIERA LIGUREQuesta qualità di prima classe dell’olio d’oliva, direttamente collegata alla coltivazione nella regione perfetta, ha portato a proteggere questo olio d’oliva dalla legge sui marchi nel 1997. Solo gli oli extravergine di oliva di oliva taggiasca provenienti da questa regione possono fregiarsi della denominazione DOP Riviera Ligure Riviera dei Fiori.

Tuttavia, l’uso di questo sigillo costa denaro e costi agli agricoltori, che non possono permetterseli molti, quindi ci sono molti oli nella regione che soddisfano i criteri ma non sopportano il sigillo.

La raccolta delle olive

Un buon olio d’oliva viene prodotto da ottobre a dicembre. Durante questo periodo, gli stand di frutta sono completamente formati e le olive hanno l’aroma più intenso. I produttori industriali lasciano le olive appese all’albero fino a gennaio /febbraio, in modo che possano attingere più acqua durante i mesi invernali, aumentare le dimensioni e generare più resa attraverso la massa. Questo ha un effetto negativo sul gusto.

In Liguria, le olive vengono raccolte a mano. Ciò è dovuto al paesaggio. Non ci sono aree pianeggianti in cui è possibile piantare piantagioni e raccoglierle con tracker di raccolta. Questa è una buona cosa. Risparmia gli alberi, gli abitanti degli alberi come uccelli canori e insetti.

In passato, le olive venivano battute dai rami con un bastone di legno di castagno, la “trappa”. Le reti distribuite sotto nea hanno catturato le olive. Oggi è simile, tranne per il fatto che il legno è diventato una macchina vibrante che scuote i rami. Tuttavia, un lavoro osseo per settimane.

Conservazione e durata di conservazione

La durata legale di conservazione dell’olio d’oliva è la durata di 24 mesi dopo l’imbottigliamento in bottiglie o contenitori. Tuttavia, l’olio d’oliva non viene rovinato in seguito. Dura qualche anno nel posto giusto. Lo stesso vale per lo stoccaggio dell’olio d’oliva come per altri alimenti: calore e luce accelerano il processo di invecchiamento. Idealmente, l’olio d’oliva viene conservato in modo fresco e buio.

“Vino vecchio e olio nuovo”

Proverbio italiano

Anche se l’olio d’oliva è di lunga durata. Perde aroma dal primo giorno dopo la pressatura. Le prime settimane puoi ancora assaggiare la tenerezza delle olive, che è particolarmente piccante per molti tedeschi. Quindi da marzo dopo il tempo di raccolta, l’olio d’oliva diventa molto più mite. Alla fine della durata di conservazione, ha perso un po ‘le sue caratteristiche e di solito viene utilizzato solo per cucinare.